"be that woman" home

 è un gioco rappresentativo. 12 donne, 12 simboli, 12 immedesimazioni.
L’intento è quello di esaltare la bellezza e l’eleganza della donna comune, bella e elegante anche quando gioca nel trasformarsi in un’icona, più di qualsiasi figurina o prototipo femminile che i media ci impongono.
Il progetto fotografico nasce dall’esigenza di dimostrare che, in un'epoca in cui l'immagine ci schiaccia con prepotenza vincolandoci a una direzione/visione unica,la donna reale, quella che si incontra nel quotidiano, può entrare nel nostro immaginario con rara autenticità e bellezza.
I 12 ritratti camminano in coppia, per rappresentare un'idea. Un tentativo: catturare alcuni simboli femminili forti, dolci, determinati. Richiamando personaggi impressi nei ricordi, fermando in uno scatto un aspetto della nostra quotidianità, rincorrendo la fantasia e il mito


Presentazione al Circolo della Stampa di Avellino